SOFT SKILL WEB

#CHATBOTDAY. Finalmente qualcuno mi ha fatto capire cos’è un BOT.

Sabato 3 Dicembre si è tenuto presso il Business Innovation Centre di Città della scienza, uno dei primi (se non il primo) #chatbotday italiani.

In questo post desidero condividere quello che mi sono portato a casa dopo questa meravigliosa giornata di formazione, utilizzando la tecnica di comunicazione del cerchio d’oro utilizzata dalle persone di successo, spiegata da Simon Sinek nel suo celebre TED (in fondo alla pagina).

In altre parole, se dovessi sviluppare CHATBOT in futuro con la mia azienda (e penso proprio che lo farò), direi che

PERCHÉ CHATBOT

Per “seguire” gli utenti lì dove passano più tempo, ovvero sulle App di messaggistica, e rendergli semplice l’uso di servizi a valore aggiunto

COME

Ci integriamo con le varie piattaforme di messaggistica esistenti (su tutte Messenger di Facebook e Telegram) ed all’occorrenza, di intelligenza artificiale, per ridefinire l’esperienza utente al fine di renderla conversazionale

COSA

Sviluppando CHATBOT, ovvero “amici” virtuali sempre disponibili che, tipicamente nel nome, definiscono il proprio patrimonio di conoscenza e ci aiutano chattando con noi e rispondendo subito alle nostre richieste.

Che ne dite? Funziona? Io dico che è molto migliorabile. Per fortuna nella vita non faccio il markettaro altrimenti farei la fame.

Un grazie al team di HackBiz che ha organizzato questo utile evento formativo, portando due casi di studio pratici differenti nel genere, ed entrambi validi per capire il contesto di applicazione (vedi tweet sotto).

Ok. Ma che cos’è un BOT?

Premesso che prima dell’evento per me BOT era solo una parola dialettale napoletana e/o un titolo di Stato, e che la mia ricerca in rete aveva prodotto risultati poco soddisfacenti, finalmente qualcuno mi ha spiegato che un BOT è semplicemente un servizio. Per gli addetti ai lavori: E’ il back-end delle nostre applicazioni Web e/o Mobile “riadattato” per gestire la comunicazione con piattaforme di messaggistica (nel caso del CHATBOT ma non solo) e di intelligenza artificiale in Cloud.

Risorse

Architettura di un (CHAT)BOT

Twitter time-line dell’evento


il TED di Simon Sinek sul cerchio d’oro

Altre risorse pescate nella community HackBiz

Un articolo del mitico Giuliano Ambrosio

#ChatBots: Le Opportunità, Statistiche e utilizzo delle Aziende + Case Study

Un’immagine che spiega più di mille parole

chatbot-sense

Che fai non ti iscrivi? Pazzo!

Conclusioni

BOT è l’abbreviazione di ROBOT e l’ennesimo esempio di come lo sviluppo delle innovazioni in ambito ICT non guardi in faccia a nessun mercato, compreso quello informatico. Soluzioni del genere permettono il “riuso” delle competenze aziendali in ambito back-end e “cassano” gli sviluppatori mobile e di front-end. Una valida alternativa in ambito Corporate, per quanto mi riguarda, alle Mobile Activity Client (App Mobile dedicate a servire una fase semplice di lavoro svolta in mobilità – tipicamente l’approvazione da parte di un Manager).